Robustezza in vetta

Contenitori di elevata qualità per un impianto idroelettrico in quota

A volte le condizioni climatiche degli ambienti di utilizzo influiscono in modo significativo nella scelta dei componenti da adottare per la realizzazione di un impianto. È questo il caso della centrale idroelettrica realizzata da Elpo in Valle Aurina che ha scelto di usare armadi Rittal.

Elpo è un’azienda che da oltre 60 anni opera con grande passione nel vasto campo dell’elettrotecnica. Era infatti il lontano 1947 quando Luis Pohlin fondò una ditta individuale dalla quale fiorì un’impresa famigliare innovativa e in costante crescita che oggi conta oltre 140 collaboratori altamente qualificati. Questo sviluppo lo si deve all’eccellente preparazione della famiglia Pohlin, dove Hans Pohlin nel 1975 dà nuovi impulsi all’impresa con la sua preparazione universitaria in tecniche e design di illuminazione, e Robert Pohlin che, al termine della formazione professionale di elettrotecnico, matura importanti esperienze presso l’ENEL prima di entrare nel 1981 nell’impresa che dirige con successo dal 1994. Tutto questo ha reso Elpo sinonimo di soluzioni di elevata qualità nel settore dell’elettrotecnica.

Attualmente, l’azienda è impegnata principalmente nella realizzazione di impianti elettrici, sistemi di automazione e apparati destinati ad essere impiegati nel settore delle fonti energetiche rinnovabili (fotovoltaico, biogas, idroelettrico, termoelettrico,), come i quadri elettrici in bassa o media tensione, che progetta, vende e manutiene.

La riconosciuta esperienza nel campo delle energie rinnovabili ha recentemente trovato applicazione anche nella costruzione di un impianto idroelettrico sul Rio Franco a San Giovanni in Valle Aurina. Per questo impianto, composto da una turbina da 560kVA e una turbina da 1250kVA, Elpo ha realizzato un quadro BT destinato a far fronte alle esigenze di potenza, comando e regolazione della centrale.

In questa realizzazione, l’esigenza di base era quella di trovare un quadro con cui fosse possibile ospitare simultaneamente distribuzione di potenza, distribuzione BT e automazione in combinazione con la necessità di garantire la robustezza indispensabile per una lunga durata di esercizio, in un ambiente di installazione se non propriamente gravoso almeno “difficile”. L’impianto si trova infatti in territorio montano soggetto a notevoli variazioni di temperatura, in un’installazione indoor ma non presidiata. Tutto ciò ha reso indispensabile disporre di un prodotto di elevata qualità, con caratteristiche di robustezza e flessibilità superiori agli standard, in una quto di 1.700 s.l.m. Elpo quindi ha optato per una struttura fatta a con armadi Rittal Ri4Power, in cui ha potuto alloggiare senza problemi tutti i componenti necessari. Le operazioni di montaggio di interruttori e componenti di diversi produttori sono state gestite in modo agevole, grazie alla robustezza della carpenteria, alla disponibilità di appositi kit di montaggio e ai sistemi a sbarre premontati che semplificano la distribuzione di potenza. In questo modo Elpo ha potuto creare una soluzione dal design armonioso e ordinato, con spazi distinti e dedicati a scopi ben precisi: la parte sinistra della carpenteria è stata destinata ad ospitare le apperecchiature elettriche relative alla distribuzione di potenza, mentre l’area centrale è stata allestita con tutti gli apparati ausiliari e con quelli necessari alla misura fiscale; a destra trovano infine posto gli elementi che sovraintendono all’automazione della centrale. Il tutto è completato da ventilatori filtro e da porte modulari su cui trovano alloggio monitor, pulsanti ed altri elementi di interfacciamento con il sistema.