Rittal alla Fiera sps ipc drives Italia Parma, 22/24 maggio 2018

2018-03-26.

Grandi novità Rittal a SPS IPC Drives Italia 2018

Efficienza, produttività e… un lancio tutto da scoprire

L’edizione 2018 di SPS IPC Drives Italia sarà per Rittal l’occasione per presentare molte importanti novità, a partire da un rivoluzionario nuovo prodotto che verrà presentato al mercato italiano proprio in occasione di questa fiera.

Accanto ad essa, nello stand (Pad. 5 Stand I046-H052 ) troveranno spazio le più recenti integrazioni nella gamma Blue e+, soluzioni destinate alla gestione efficiente del clima interno agli armadi.

Climatizzatori compatti

Innanzitutto i nuovi apparecchi in classe di potenza 1,6 kW, che vanno a completare la gamma rispondendo alla domanda di apparecchi compatti per una climatizzazione efficiente degli armadi di comando.

Oltre alle già note caratteristiche di efficienza energetica garantita dalla innovativa tecnologia ibrida brevettata che combina un sistema condizionatore-compressore con un sistema heat-pipe (condotto termico) per il raffreddamento passivo, i condizionatori Blue e+ e i ventilatori-filtro di Rittal si distinguono in quanto dotati del marchio UL nella nuova categoria "FTTA" (Environmental-rated Accessories for Enclosures).

Chiller

Tra le soluzioni di raffreddamento Blue e +, si evidenzia la nuova generazione di chiller disponibili in tre classi di potenza con capacità frigorifera di 2,5, 4 e 6 kW (regolabili tra 20 e 100 %) ed utilizzabili con la massima flessibilità in ambienti con temperature comprese tra -5 °C e 50 °C. Tra le opzioni disponibili si distinguono i nuovi pacchetti preconfigurati, ad esempio con pompa maggiorata, pompa a inverter, soluzioni per applicazioni outdoor (fino a -20°C), con raffreddamento ad olio, con tecnologia freecooling integrata (funzionamento ibrido) o riscaldatore integrato per il precondizionamento del mezzo frigorigeno.

Vengono così definiti nuovi standard di raffreddamento a liquido per macchine, impianti e processi, un ambito in cui il raffreddamento rappresenta fino al 15% del consumo totale di energia. Il consumo è così elevato perché la temperatura del mezzo frigorigeno deve essere controllata con estrema precisione, con una isteresi massima di soli 0,5 K. Variazioni di temperatura superiori determinerebbero imprecisioni sul pezzo in lavorazione dovute alla dilatazione termica dei componenti.

Per garantire allo stesso tempo la precisione sulla temperatura e un’elevata efficienza energetica, la nuova serie di chiller Blue e+ migliora enormemente le proprie performance. Grazie al compressore a velocità variabile, i chiller Blue e+ raggiungono un EER (Energy Efficiency Ratio) di 3, a fronte di uno standard che per i chiller convenzionali con controllo di by-pass del gas caldo è pari a 1. Il compressore CC con controllo a inverter può infatti fornire l’esatta potenza frigorifera richiesta nel preciso momento, mantenendo l'isteresi entro valori minimi, senza che vi sia un inutile spreco di potenza frigorifera.

I nuovi chiller impiegano inoltre la tecnologia a microcanali sulla batteria di scambio. L’estesa superficie di scambio tra mezzo frigorigeno e acqua di raffreddamento e il minor volume dello scambiatore consentono una riduzione della carica di refrigerante fino al 55%.

Famiglia ad alta efficienza

Tutte le diverse tipologie di dispositivi della gamma Blue e+ impiegano motori sincroni CC regolati da inverter per azionare i compressori e i ventilatori, così da modulare la velocità in modo tale da fornire solo la potenza frigorifera effettivamente richiesta. Questa innovativa tecnologia di azionamento e controllo consente un risparmio energetico fino al 70 per cento rispetto ai sistemi tradizionali. Inoltre, il fenomeno dello stress termico al quale erano sono soggetti tutti i componenti dell’armadio viene completamente eliminato. Ciò

aumenta significativamente il ciclo di vita non solo dei condizionatori ma anche dei componenti installati nell'armadio, con effetto positivo sulla sicurezza complessiva dei processi.

L’alimentazione multitensione - da 110 V (monofase) a 480 V (trifase) con frequenze di rete tra 50 e 60 Hz -rende tutti gli apparecchi idonei ad essere collegati in modo flessibile alle diverse reti elettriche presenti nel mondo.

Il nuovo display grafico touch offre in un colpo d’occhio tutte le informazioni più rilevanti. Le interfacce di comunicazione OPC-UA, Profinet, SNMP, Modbus TCP e CANopen consentono una facile integrazione nei sistemi di controllo delle linee di produzione per il monitoraggio, la gestione dell’energia e/o le nuove applicazioni di manutenzione predittiva, Data Analytics ecc.

Approvazioni per tutti i mercati chiave come cULus Listed, EAC, CCC e GS facilitano ulteriormente l’utilizzo su scala globale di questi prodotti.

IT e processi

Presso lo stand sarà infine possibile approfondire la proposta Rittal per le esigenze IT delle piccole e medie imprese e scoprire tutti gli strumenti offerti dall’azienda per accrescere la produttività nei processi di personalizzazione ed allestimento dei quadri elettrici e di comando, raccolti all’interno della proposta della Business Unit "Rittal Automation Systems” (RAS).

Questo e altro ancora al nostro stand I46-H52 nel Padiglione 5 – Preregistrati qui